Chiara Rigo

Biografia

http://www.goodreads.com/user/show/8701573-chiarar

Vedi tutti i suoi post
Vedi tutti

Ultime recensioni inserite

Il diario di mr. Darcy - Amanda Grange

Un bel libro, ma non mi ha convinto del tutto. Il Mr. Darcy di Pamela Aidan mi ricorda molto di più il Darcy di Jane Austen. Questo è a tratti troppo moderno, troppo poco orgoglioso, troppo poco Darcy. Soprattutto la parte finale, sembra una commedia comica, o il film degli anni quaranta, per via dei dialoghi.
Ma è sempre bello reimmergersi nel mondo di Orgoglio e Pregiudizio.

Signor Comandante - Romain Slocombe

Una lettera di un convinto antisemita.E' strano leggerla, la storia la si conosce, ma trovarsi nella testa di chi poi perderà la guerra(e non solo) è diverso.L'autore della lettera è sicuro delle sue idee, ma il suo cuore va in tutt'altra direzione.Nonostante questo, soffrirà e farà soffrire, anche chi legge.

R: La gang dei sogni - Luca Di Fulvio

Primi anni del '900 a New York, già dall'ambientazione sapevo che mi sarebbe piaciuto questo libro, ma non credevo che mi avrebbe appassionato così tanto.
I protagonisti da ragazzi si trasformano in adulti, troppo presto e in maniera brutale.C'è chi reagisce, chi commette errori e continua, chi commette errori e impara.

Amore - Isabel Allende

Per chi ha letto ed amato i libri di Isabel Allende, questo è una riemersione in alcune pagine di quei libri,con alcune annotazioni dell'autrice; tutti gli amori dei suoi romanzi spiegati da lei.

Strane creature - Tracy Chevalier

All'inizio mi ricordava Ragione e sentimento di Jane Austen: tre sorelle che si trasferiscono in un'altra località perchè il fratello non può mantenerle a Londra, visto che si sposa.
A differenza del romanzo però, la loro vita sembra destinata al zitellaggio, almeno per le più grandi.
Emerge soprattutto l'ingiustizia da parte degli uomini in questo libro; le donne aiutano gli scienziati nei loro studi, ma non vengono menzionate nemmeno nell'etichetta al museo dove vengono esposti i loro ritrovamenti.
Per fortuna l'autrice poi ha trovato dei riferimenti, e con questi ha costruito una storia bellissima, reale ma con qualche licenza letteraria.

R: L' ultima fuggitiva - Tracy Chevalier

E' il primo libro che leggo di questa autrice, e sicuramente non sara' l'ultimo. Il suo stile ti porta insieme alla protagonista a vivere la sua vita, le sue avventure,nonostante sia scritto in terza persona, e le lettere ti permettono di capire meglio Honor. E' un romanzo che mostra la forza delle donne, bianche o nere non ha importanza, sono tutte determinate a raggiungere la loro libertà.

R: Un giorno solo, tutta la vita - Alyson Richman

Già l'inizio del libro,ambientato ai giorni nostri, ti tranquillizza; immagini già un finale dove comunque due persone si ritrovano. Ma cominci a porti un sacco di domande: come si sono incontrate, separate, cosa hanno vissuto in quegli anni terribili? Hanno sofferto, come solo la guerra può far soffrire gli uomini.
Il romanzo è un'insieme di storie vissute realmente, è questa la parte peggiore; nonostante la storia la si conosca, quando la vivi attraverso gli occhi di chi ci è passato è sempre peggio.

Colpa delle stelle - John Green

E' il secondo libro di John Green che leggo; Cercando Alaska mi aveva stupito, e Colpa delle stelle non è stato da meno!
I protagonisti sono malati di cancro, non può finire bene. Ma attraverso di loro vivi un amore pieno.
Tutto è incentrato sul dolore: fisico, emotivo. Quello che proviamo e che facciamo provare agli altri.
Ma se provi dolore vuol dire che vivi, come per Hazel: i suoi polmoni non funzionano, ma se sente dolore è viva.
Vivendo la sua storia d'amore sa che soffrirà, anche Gus lo sa, ma l'amore è l'unico dolore che vogliono provare

Il seggio vacante - J. K. Rowling

Ho letto questo libro solamente perchè l'ha scritto lei, J.K. Rowling. Se non avesse avuto quel nome non l'avrei mai comprato ne messo in lista.
E avrei perso qualcosa di nuovo.
Tutto parte da una morte improvvisa. La morte di Barry non colpisce solo la sua famiglia, ma anche la comunità, visto che faceva parte del consiglio locale, e lo dirigeva.Non è solo il consiglio a rimanere orfana della guida di Pagford, anche i giovani ne risentono.
La comunità di Pagford mi ha ricordato quelle che mostrano nei film ambientati negli anni sessanta americani: piccole comunità dove tutti (o quasi) si vogliono bene, se hanno opinioni discordanti tra di loro cercano di trovare una soluzione. Ma già all'inizio si intuisce che sotto la patina di buonismo si nascondono storie personali tragiche, persone egoiste ed ipocrite. Non si salva nessuno. Nemmeno i più giovani, che ho visto come quelli più colpiti da tutte le vicende degli adulti.

La narrazione viaggia tra gli adulti e gli adolescenti in maniera fluida;all'inizio ci sono così tanti personaggi che è un po' complicato seguire il filo. Ho cominciato a capire bene i personaggi dopo 200 pagine.

Un buon esordio per la Rowling nel mondo degli adulti.

Io sono Heathcliff - Desy Giuffrè

Il modo di scrivere dell'autrice e' semplice e scorrevole,ti fa entrare veramente nella storia, ma e' la trama in se' a non convincermi;ho letto cime tempestose,e ho sempre visto il finale come l'unico modo di vivere per i due innamorati,solo dopo la morte potevano amarsi.Quindi pensare a due anime tormentate che vogliono finalmente vivere il loro amore attraverso altre due vite proprio non mi era venuto in mente. Coraggiosa comunque la scelta dell'autrice di voler dare un suo lieto fine a un classico.

La metà di niente - Catherine Dunne

Avere una famiglia perfetta. Questo era quello che credeva di avere Rose. Nessun problema economico, nessun problema con il marito, tre figli che non davano preoccupazioni troppo grandi.
Ma se il marito decide di andarsene un motivo c'è: la famiglia non era così perfetta come credeva Rose.
Per tutto il libro sembra che la protagonista apra gli occhi veramente dopo venti anni.
Tra flashback e presente, si vive la storia di una donna che tenta di rialzarsi.
Buona narrazione e capitoli corti per seguire meglio la storia.

Il tizio della tomba accanto - Katarina Mazetti

Già il titolo fa pensare ad un libro strano, ed effettivamente è così. Non è una storia romantica, anche se è una storia d'amore. I protagonisti alternano i loro pensieri di capitolo in capitolo, Sono due persone così diverse, sia nei modi di pensare che nello stile di vita che ti chiedi fino a quando riusciranno a resistere. Infatti ogni ritorno alla realtà per loro equivale ad un litigio.
La narrazione è molto ironica, ma offre anche dei spunti per riflettere.
Non ha una vera e propria fine, e forse è meglio così; è il lettore che sceglie se essere ottimista o meno.

Sanditon Lady Susan I Watson - Jane Austen

Tre opere che non ha potuto concludere.
Lady Susan: all'inizio era strano leggere tutto in forma epistolare, anche perchè c'erano diversi punti di vista, diverse opinioni, ma alla fine la storia mi ha conquistato comunque, peccato si fermi sul più bello!
I Watson: delle tre è quella che mi è piaciuta di più. Forse la povertà della famiglia protagonista mi ha portato ad affezzionarmi subito alle due sorelle, le altre due sono decisamente insopportabili. Emma torna a casa dal padre malato e dalla sorella dopo essere stata accolta per anni a casa di una zia, ma che essendosi risposata non può più tenere. E' la novità per la società del luogo, e attirerà le attenzioni anche del don giovanni del posto.
Sanditon è quello che mi ha colpito meno. Il titolo fa riferimento ad un luogo di vlleggiatura che sta nascendo, con le loro famiglie e gli ospiti, uno più strano dell'altro.

Per fortuna fratello e sorella di Jane hanno detto come Jane intendeva colcudere i racconti.

Vedi tutti

Ultimi post inseriti nel Forum

Nessun post ancora inserito nel Forum

I miei scaffali

Le mie ricerche salvate

Non vi sono ricerche pubbliche salvate