Community » Forum » Recensioni

La biblioteca dei morti
3 9 0
Cooper, Glenn

La biblioteca dei morti

Milano : Nord, [2009]

Abstract: Questo romanzo comincia nel dicembre 782 in un'abbazia sull'isola di Vectis (Inghilterra), quando il piccolo Octavus, accolto dai monaci per pietà, prende una pergamena e inizia a scrivere un'interminabile serie di nomi affiancati da numeri. Un elenco enigmatico e inquietante. Questo romanzo comincia il 12 febbraio 1947, a Londra, quando Winston Churchill prende una decisione che peserà sulla sua coscienza sino alla fine dei suoi giorni. Una decisione atroce ma necessaria. Questo romanzo comincia il 10 luglio 1947, a Washington, quando Harry Truman, il presidente della prima bomba atomica, scopre un segreto che, se divulgato, scatenerebbe il panico nel mondo intero. Un segreto lontano e vicinissimo. Questo romanzo comincia il 21 maggio 2009, a New York, quando il giovane banchiere David Swisher riceve una cartolina su cui ci sono una bara e la data di quel giorno. Poco dopo, muore. E la stessa cosa succede ad altre cinque persone. Un destino crudele e imprevedibile. "Questo romanzo è cominciato e forse tutti noi ci siamo dentro, anche se non lo sappiamo. Perché non esiste nulla di casuale. Perché la nostra strada è segnata. Perché il destino è scritto. Nella Biblioteca dei Morti."

1769 Visite, 9 Messaggi

bel romanzo scritto bene.
Non ho capito certi capitoli che mi sono sembrati un po' forzati...

Intrigante e inquietante al punto giusto da tenerti incollato alle pagine. Riesce a catturare tutta l'attenzione.

Fede76
9 posts

Pensavo molto ma molto meglio!!!

si fa leggere senza dubbio,però non estremamente sostanzioso.piacevole per qualche giorno di vacanza, senza pretese

Marta Zenere
9 posts

L'idea è molto originale, anche se il libro non è certo scritto bene... Comunque per una lettura estiva è piacevole!

Mah...non male come romanzo d'esordio. Tipico autore contemporaneo che scrive libri non troppo impegnativi. Cmq c'è molto di peggio in giro

Paolo Zocca
12 posts

Storia originale e scritta bene.
L'epilogo invece (quello relativo alla vita privata dei protagonisti) è un po' scontato.

Chiara Rigo
36 posts

All'inizio i salti temporali e la varieta' dei personaggi puo' creare un po' di confusione,ma la storia e' fantastica! Scritto bene,non ha un linguaggio troppo pesante. E' una trilogia,quindi il finale mi ha lasciato li, impaziente di saperne di piu'.

3143 Messaggi in 2629 Discussioni di 508 utenti

Attualmente online: Ci sono 16 utenti online